venerdì 27 ottobre 2017

La ZUCCA RIPIENA al FORMAGGIO

La ZUCCA RIPIENA al FORMAGGIO rappresenta un piatto davvero MOLTO ma MOLTO goloso!

L'autunno non sarebbe AUTUNNO senza la zucca! :-)

Per questa ricetta amo, in particolare, utilizzare la ZUCCA DELICA, quella tonda, schiacciata, con la buccia verde e la polpa arancio.

La zucca delica si presta bene per numerosissime ricette, ma questa...per me…è la NUMERO 1!


In alternativa, però, potete utilizzare anche un'altra varietà! Qualsiasi essa sia, questo piatto sarà meraviglioso! L'importante è...SCEGLIERE un'ottima ZUCCA!

Volete ordunque un consiglio per SCEGLIERE UN’OTTIMA ZUCCA??? :-)

Vi lascio QUI il link! 

Come FORMAGGIO mi piace molto utilizzare il PARMIGIANO REGGIANO, ma potete scegliere quello che più vi piace...oppure approfittarne se dovete fare, per caso, dello SVUOTA FRIGO! E, dunque, avete un pezzetto di gorgonzola, di stracchino, di pecorino, eccetera.

Anche la QUANTITA' di formaggio è a vostra discrezione! Dipende quanto saporita vorrete fare questa zucca e quanto è grande la vostra zucca! :-)

INGREDIENTI

1 zucca delica
q.b. di formaggio (a vostra scelta parmigiano, pecorino, stracchino, gorgonzola, ecc.)

PROCEDIMENTO

Accendete il forno a 200-220°C (dipende da quanto scalda il vostro forno: il mio scalda poco, quindi 220°C).

Con una spugnetta lavate la zucca esternamente, la tagliate nel senso longitudinale (ovvero della pancia) e la private dei suoi semi (sia la parte sotto, che la parte sopra)!


Riempite la parte sotto di formaggio…scusate, mi sono espressa male…STRA RIEMPITE! :Ahah!



Richiudete! Quindi, le mettete il “cappello” ed infornate! 


Semplicissimo no?

La parte più dura sarà aspettare! Ahah!

I tempi di cottura variano da forno a forno e da zucca a zucca. Io, consiglio, di puntare 1 ora e di andare a controllare: vi basterà inserire la forchetta (anche dalla buccia) e, se sentirete la polpa morbida, allora è arrivato il momento di spegnere!

A me piace molto lasciarla nel forno spento almeno un’altra oretta dalla cottura: così la gusterete calda, ma non troppo...e piena stra piena di sapore!

Una volta cotta potete fare delle gustosissime fette e servire ai vostri golosi ospiti!


N.B. La parte sopra, che non è “formaggiosa”, sarà comunque ottima poiché avrà assorbito il vapore del formaggio in cottura! Per cui, se non la mangiate tutta, conservate la polpa della zucca...sarà un piacere farci i tortelli o una vellutata!


Buona ZUCCA stra colma di FORMAGGIO a tutti! 

unospicchiodimelone!

lunedì 23 ottobre 2017

BRULE' di MELE ANALCOLICO – Senza Zucchero aggiunto

Il BRULE' di MELE ANALCOLICO è una gustosa bevanda da assaporare dopo pasto, oppure la sera per scaldarsi un po'...siccome è perfetta da bere calda.

Questo BRULE' di MELE è ANALCOLICO per cui lo possono bere tranquillamente anche i bambini; è leggermente speziato ed è naturalmente dolce.

Grazie alla dolcezza delle MELE non sarà necessario aggiungere nessun tipo di zucchero, al massimo del miele per i bambini o se avete un po' di tosse ecco che il brulè di mele diventa un vero e proprio toccasana.

Come SPEZIE ho utilizzato:

• l'ANICE STELLATO, una spezia profumatissima che rilascia un sapore dolce vi consiglio di aggiungerla anche alle MACEDONIE; eviterete, così, di aggiungere lo zucchero! :-)

Il CARDAMOMO, spezia dall'aroma spiccato, quasi piccante ma non invadente e perfetto aggiunto al succo di mela.

Il GINEPRO, bacca profumatissima che ci riporta alla mente gli aromi del bosco e della natura incontaminata.

La CANNELLA, dolce e delicata, molto aromatica ma indiscreta: rilascia il sapore senza violenta re gli altri profumi!

Queste spezie renderanno il vostro BRULE' di mele semplice, fruttato e gustosissimo...oltre che salutare!



Con questa bevanda potrete stupire gli ospiti a cena per un dopo pasto diverso dal solito e potrete gustarvi in famiglia un DRINK alternativo e senza alcol!

Non è vietato, però, aggiungere una nota alcolica...secondo me ci sta molto bene! :-)

INGREDIENTI (per circa 1,5 litri di BRULE' di MELE)

1 kg abbondante di mele (come varietà consiglio le Gala o le Fuji)
1 pompelmo rosa piccolo
1 limone
1 arancia piccola (se possibile di polpa rossa)
2 “stelle” di anice stellato
2-3 semi di cardamomo
4-5 bacche di ginepro
1 stecca di cannella
1 bicchiere d'acqua naturale

N.B. Se non avete l'estrattore, allora vi consiglio di acquistare direttamente 1 litro di succo di mele! Magari senza zucchero!

PROCEDIMENTO senza l'estrattore

Spremete il succo degli agrumi e li aggiungete in una pentola assieme al succo di mela. Aggiungete anche le spezie, l'acqua e portate (con il fuoco del gas molto basso) a ebollizione per qualche minuto.

Spegnete il fuoco e servite caldo.



PROCEDIMENTO con l'estrattore

Se avete l'estrattore, il succo di frutta ve lo potete fare voi. :-)

Io, solitamente, acquisto frutta biologica ed inserisco tutto, ovvero anche la buccia (NO i SEMI, però).

Se la frutta che acquistate non è bio, allora consiglio di eliminare la buccia.

Quindi, tagliate la frutta grossolanamente e la inserite nell'estrattore; poi, aggiungete il succo ottenuto in una pentola assieme alle spezie e all'acqua.



Portate a ebollizione con la fiamma del gas mai troppo alta: dev'essere una bollitura lentissima.

Non fate bollire più di 5 minuti, sennò si crea troppa schiuma.

Ora potete servire il vostro BRULE' di MELE ancora bello fumante e magari con una spolverata di CANNELLA IN POLVERE! :-)



Buon BRULE' di MELE ANALCOLICO a tutti! :-)

unospicchiodimelone

giovedì 19 ottobre 2017

MELE POPS – Una MERENDA SANA perfetta per i BAMBINI


Le MELE POPS sono davvero una merenda perfetta per i BAMBINI: sono colorate e davvero squisite!

La MELA in generale è un frutto molto apprezzato dai bambini. 

Inoltre, l'aggiunta di CIOCCOLATO FONDENTE e qualche PRALINA COLORATA completerà il tutto! Un po' come la CILIEGINA SULLA TORTA, insomma! :-)

Avendo pochissimi ingredienti, è necessario che essi siano di QUALITA'.

Quindi, scegliete MELE BUONE, magari CROCCANTI e SUCCOSE! Per questo vi consiglio come sempre le MELE della VAL VENOSTA!


Queste MELE provengono da una vallata meravigliosa in cui l'uomo, in forte collaborazione con la natura, è riuscito a creare un prodotto unico, in armonia con tutto il contesto che lo circonda.

Andate a vedete il SITO di MELA VAL VENOSTA cliccando QUI. Troverete un sacco di notizie interessanti.

Tornando alle nostre MELE POPS, ci tenevo a sottolineare il fatto che rappresenterebbero uno SNACK IDEALE da presentare alle FESTE di COMPLEANNO dei vostri bambini.

E' risaputo che la frutta, una volta tagliata, ossida e, dunque, imbrunisce.

Quindi, quale meglio soluzione se non sommergerle di ottimo cioccolato fondente? :-)

Anche in questo caso vi consiglio di acquistarne uno di qualità. 
Il CIOCCOLATO FONDENTE fa benissimo! E unito alle mele...ancora di più! :-)

INGREDIENTI

5/6 mele della VAL VENOSTA
50/80 g di cioccolato fondente (dipende se si vuole ricoprire completamente lo spicchio o se si ricopre circa una metà)
praline, palline, stelline, noccioline e tutte le decorazioni colorate alimentari che uno preferisce
bastoncini di legno

PROCEDIMENTO

Partite col mettere il cioccolato a fondere a bagnomaria. Io utilizzo un pentolino “speciale” per le cotture a bagnomaria. Mi trovo molto bene.

Lavate le mele, privartele del torsolo con l'utensile apposito. In alternativa, tagliate normalmente la mela a metà e la private del semi.


Dividete la mela in, più o meno, 6 parti uguali in modo da formare degli spicchi omogenei.


Inserite i bastoncini di legno negli spicchi.


Passate, poi, gli SPICCHI, all'interno del cioccolato fuso e disponeteli su un vassoio rivestito da carta forno.


Prima che il cioccolato si solidifichi è bene aggiungere le decorazioni scelte.


Chi preferisce può mettere le MELE POPS in frigo circa 5/10 minuti in modo da renderle fresche!


Non mi rimane che augurarvi...BUONE MELE POPS a tutti!
unospicchiodimelone

martedì 17 ottobre 2017

CAROTE VIOLA ARROSTITE AL FORNO con SEMI, ZENZERO e CURCUMA


Le CAROTE VIOLA ARROSTITE AL FORNO con SEMI, ZENZERO e CURCUMA sono un contorno gustosissimo, semplicissimo da fare e che stupirà tutti!

Il problema è solo uno: trovare le CAROTE VIOLA! Quindi, appena le trovate, fatene una scorta poiché sono davvero moooolto buone, oltre che salutari!

Ispirata dal mio contorno CAROTE ARROSTISTE AL FORNO con ZENZERO, SEMI di PAPAVERO e SESAMO (vi lascio la RICETTA QUI), ho deciso di riproporlo in una chiave leggermente diversa e, sicuramente, più colorata!

Le CAROTE VIOLA sono una VARIETA' ANTICA e, dunque, nulla di manipolato o di particolarmente strano! Anzi, fanno parte del nostro passato e, fortunatamente, negli ultimi anni abbiamo ricominciato a farne un maggiore consumo.

Le CAROTE VIOLA, analogamente alle CAROTE ARANCIO, hanno ottime proprietà benefiche: contengono sostanze capaci di proteggerci dai raggi UV e capaci di rinforzare la vista! Inoltre, ci proteggono l'apparato intestinale e sono essenziali per la dieta dei bambini!

La CURCUMA e lo ZENZERO freschi vi daranno quel tocco speziato in più!
Gustosissimi anche i semi oleosi tostati al forno! 

Questo contorno, sfizioso e colorato, piacerà a tutti...garantito! :-)

INGREDIENTI (per 3-4 persone)

1 kg di carote viola e arancio
q.b. di semi di girasole
q.b. di semi di sesamo
3-4 scaglie di zenzero fresco (se preferite, abbondate pure)
3-4 scaglie di curcuma fresca (se preferite, abbondate pure)
q.b. di olio extravergine d’oliva
q.b. di sale grosso

PROCEDIMENTO

Spelate, lavate e tagliate nel senso longitudinale le varie carote.


N.B. Le carote viola coloreranno un po' le vostre mani, ma nulla che non vada via con una sciacquata!

Tagliate a listarelle anche lo zenzero e curcuma. Se volete evitate di spelarle ma lavatele bene. Ah...anche la curcuma colorerà le vostre mani! :-)


Prendete una teglia da forno, la ungete con olio extravergine d'oliva ed aggiungete le carote, il sale grosso e le scaglie di zenzero e curcuma!



Ora infornate a 220°C per almeno 30 minuti (MI RACCOMANDO sempre FORNO BEN CALDO).

N.B. Vi consiglio di prestate sempre attenzione alla cottura poiché essa varia da FORNO A FORNO.

A circa 10 minuti dalla fine cottura aggiungete i semi di sesamo e girasole, così si tosteranno un po' senza bruciarsi!


La doratura sarà l'indice di cottura delle vostre carote! :-)


Non mi rimane che augurarvi…UN BUON CONTORNO COLORATO! :-)

unospicchiodimelone

giovedì 12 ottobre 2017

PIANTE e ANIMALI PERDUTI – XXI EDIZIONE GUASTALLA


PIANTE e ANIMALI PERDUTI  è una manifestazione storica che si svolge a Guastalla, in provincia di Reggio Emilia e, quest'anno, ha "festeggiato" la XXI edizione.

Tutti gli appassionati del mondo del giardinaggio, dell'agricoltura e degli animali dovrebbero assolutamente farci un passaggio.


Ma non solo gli esperti...poiché anche un non-appassionato...si appassionerebbe! :-)


E' un luogo adatto anche alle famiglie e, assolutamente, ai bambini.

Piante e Animali Perduti è una continua mostra di varietà di frutti...


...di ortaggi...


...ma anche di fiori!


Il paese si trasforma in un ARCOBALENO.
Un arcobaleno profumato, perché davvero spuntano piante da frutto, piante da giardino ed erbe aromatiche ovunque!


Non solo l'olfatto vi sarà grato di averlo portato a Guastalla per la manifestazione di piante e animali perduti...ma anche la pancia! :-) Sì perché sarà impossibile non fermarsi a gustare un pane fatto con farine antiche...


...o un dolce della tradizione emiliana, come il BENSONE, chiamato anche BRAZADELA (dai bolognesi) e BALSON (dai modenesi). Una tradizione che si è spinta fino alla Romagna dove viene chiamata CIAMBELLA ROMAGNOLA! E comunque si chiami...questo dolce è davvero una favola! :-)


Sempre girando per il paese durante la mostra potrete trovare gli artigiani che producono formaggi. Formaggi lavorati secondo standard e tradizioni ben precise. Tradizioni che ricordano il passato in cui si rispettava al 100% la vita dell'animale e si seguivano totalmente i ritmi della natura.


Incantevole anche osservare chi sa ancora realizzare un cesto interamente a mano...


Inoltre, è anche il posto giusto per fare shopping! :-) E' pieno di bancarelle con le spezie...


...e con oggettistica meravigliosa! :-)



Personalmente, sono tante le cose che mi hanno colpito durante la mia visita a PIANTE e ANIMALI PERDUTI, ma quella che mi ha segnato è la MOSTRA POMOLOGICA!


STUPENDA è dir poco!


Tavoli interi che mostravano la NOSTRA RICCHEZZA...la RICCHEZZA che la NATURA ci ha donato e che dovremo assolutamente imparare a valorizzare e conservare al meglio!


Uva, mele, meloni, angurie, pere, fichi, prugne, tutta la frutta...ma anche funghi...


...e peperoncini!


Davvero da farsi un patrimonio colturale non indifferente!


Ho avuto anche modo di visitare Palazzo Ducale, di vedere le sue stanze che sapevano di storia, di magia...


...e ho potuto osservare la fiera dall'alto, la fiera che si stendeva a partire dalla piazza principale del paese.


I bambini (credo) abbiano passato l'intera giornata dagli animali...sì perché ormai è difficilissimo vedere un animale...dal vivo! Mucche, cavalli, asinelli, conigli...


Insomma, che dire, non perdetevi l'appuntamento per l'anno prossimo! Assolutamente da segnare in agenda! :-)

Non so se mi inviteranno ancora da BLOGGER...


...ma certamente come visitatore potrò andarci! :-)


Sarà bellissimo tornare a casa con una SPESA...di UNA VOLTA! :-)



Dal mio post di INSTAGRAM del 19 settembre 2017

A volte guardare nel PASSATO non significa TORNARE INDIETRO. Se osserviamo ciò che stiamo perdendo con UN'OTTICA VERSO IL FUTURO significa che sappiamo QUANTO VALORE C'È nella parola BIODIVERSITA'.
La NATURA, non smetterò mai di ripeterlo, ci insegna una cosa MOLTO IMPORTANTE: che LA DIVERSITÀ È RICCHEZZA.
Quella parola che all'uomo fa paura “DIVERSO” alla natura piace tantissimo!
Perché la diversità dà vita alla vita, dà forma alla continuità, crea un TESORO INESTIMABILE.
Se siete curiosi di vedere questo tesoro, questa mostra di piante, frutti, animali antichi E TANTO ALTRO non perdetevi la MANIFESTAZIONE delle PIANTE e ANIMALI PERDUTI a GUASTALLA in provincia di REGGIO EMILIA una città che sarà rivestita di PASSATO rivolto al FUTURO.
LO SPICCHIO SARÀ PRESENTE!
Tutte le info le trovate sul SITO INTERNET www.pianteanimaliperduti.it oppure visitando la pagina @piante_animali_perduti su FB e IG!



Allora non mi rimane che augurarvi...buona BIODIVERSITA' a tutti!



unospicchiodimelone!