mercoledì 16 ottobre 2019

STRUDEL di KIWI – con pasta fillo



Lo STRUDEL di KIWI con la pasta fillo è un dolce assolutamente alternativo ma…davvero squisito.

Questo STRUDEL di KIWI oltre presentarsi veramente bene in tavola ha un cuore morbido, ricco di bontà.

Ottobre è il mese di apertura per la raccolta del KIWI, però il KIWI GIALLO (e ROSSO) ma non per il KIWI VERDE, per questo bisogna aspettare ancora un pochino, ma non molto. 

Per chi mi segui sui SOCIAL (ecco qui il mio link instagram: https://www.instagram.com/uno.spicchio.di.melone/sa quanto io sia particolarmente legata a questo frutto, soprattutto da quando vivo in ROMAGNA.

Ebbene sì, la ROMAGNA è una delle patrie del kiwi ed in particolare del kiwi GIALLO.

Se non avete mai assaggiato il KIWI GIALLO vi consiglio di rimediare immediatamente! E’ troppo buono.


Spesso mi scrivete che non lo comprate per una questione di prezzo…è vero, il KIWI GIALLO è assolutamente più caro del VERDE ma c’è un motivo.

Anzi, più motivi: ci sono dei rigidi controlli di qualità. Oltre una questione di qualità organolettica si parla anche di qualità nutraceutica, per cui vengono effettuate numerose analisi multiresiduali per essere certi che non ci siano residui di fitofarmaci.

E’ una cosa molto giusta questa, non trovate?

Io mi sento molto più sicura nel mangiare i KIWI GIALLI e mi sento anche molto più sicura nell’offrirli ai miei figli.

Questo NON significa che negli altri frutti NON vengano effettuati controlli rigidi e severi; se c’è una cosa positiva della GDO (grande distribuzione) è il continuo controllo e le aziende agricole, ogni giorno, fanno sempre passi più avanti verso il futuro.

Potremmo parlare per ore di questo argomento ma…io, ora mi voglio fossilizzare sullo STRUDEL di KIWI. Pronti per la RICETTA? Una ricetta semplicissima e velocissima, vedrete :-)


INGREDIENTI

1 rotolo di pasta fillo
1 vasetto di marmellata (io ho scelto quella di MIRTILLI di MONTAGNA)
1 cucchiaio abbondante di uva sultanina
1 cucchiaio abbondante di bacche di goji
6-7 KIWI (tra ROSSI, GIALLI e VERDI)
4-5 cucchiai di zucchero di canna integrale
q.b. di LATTE
q.b. di zucchero a velo

P.s. il kiwi ROSSO (stupendo) è difficile da trovare poiché sono iniziate da un paio d’anni le prime produzioni.

PROCEDIMENTO

Iniziate con lo spelare i kiwi e tagliateli a fette; disponete le fette di Kiwi in una padella antiaderente e caramellateli con qualche cucchiaio di zucchero.


 Come zucchero scelgo sempre lo zucchero di canna INTEGRALE, è buonissimo.

N.B. Ricordatevi che la dose dello zucchero può variare a seconda del tipo di kiwi che utilizzate. Esempio: i kiwi gialli sono molto più dolci e meno aciduli dei kiwi verdi, quindi basterà meno zucchero.


Una volta caramellati i Kiwi (basteranno 10-15 minuti) lasciateli raffreddare; intanto preriscaldate il forno a 200°C circa e stendete il rotolo di pasta fillo in una teglia da forno.


Farcite la pasta fillo con la marmellata e la frutta secca, in questo caso uva sultanina e bacche di goji.

Completate la farcitura della pasta fillo con i kiwi caramellati, chiudete bene e spennellate con un pochino di latte in modo da rendere il vostro rotolo più morbido e meno secco.


Mettete in forno e attendete circa 30 minuti. Il vostro STRUDEL di KIWI sarà pronto appena lo vedete dorato in entrambe le parti.


COME SEMPRE RICORDO che LA COTTURA può variare a seconda del forno che uno ha.


Appena il vostro rotolo è pronto lasciatelo riposare per servirlo tiepido.


Non mi rimane che augurare a tutti BUONA COLAZIONE (o MERENDA) con questo STRUDEL pieno di BONTA’.

unospicchiodimelone

5 commenti:

  1. Ma sai che non avevo mai pensato al kiwi come ingrediente per uno strudel?!?!?!?
    Che bella idea!
    Grazie anche delle informazioni che ci hai dato su questo fantastico frutto (quello rosso ancora non pervenuto...ma non dispero).
    A presto

    RispondiElimina
  2. Cara Irene, tu mi fai f^girare la testa, un strudel così non lo avevo mai visto! Mi piacciono tanto!!!
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Bravissima Irene..sempre.
    Maurizio

    RispondiElimina
  4. que delícia de receita !!
    muito bom Irene.
    grande abraço.
    :o)

    RispondiElimina